Matteo Maffucci

SPIELBERG TI ODIO

Spielberg ti odio. Visita il sito

Euro: 16.00
Pagine: 168

Compra on line

Produttore della trilogia Ritorno al futuro, Steven Spielberg possiede una delle tre automobili DeLorean DMC-12 utilizzate durante le riprese del primo film.
Durante la stesura di Spielberg ti odio, Matteo Maffucci ha letteralmente consumato i cd 0 di Damien Rice, Simple Things degli Zero 7, Gorillaz dei Gorillaz. Poi ha dovuto ricomprarli.

“Matteo… ma non è un po’ corto?”
Thomas De Gasperi (Zero Assoluto)

Perché il passato è sempre più bello del presente? Perché le cose, quando accadono, non sono mai come ce le saremmo aspettate? È questo che si chiede Filippo quando, dopo avere lasciato la sua fidanzata Elisa per non sentirsi troppo legato, si ritrova solo per davvero. In mancanza di alternative, Filippo sceglie un altro coinquilino, un cane di dieci anni, alter ego peloso e silenzioso che asseconda scodinzolando i suoi patemi d’amore con la tranquillità di un vecchio saggio. Ovviamente, Filippo si è già pentito della rottura con Elisa, vuole riaverla a ogni costo e la sua mancanza lo induce a ripensare meticolosamente a tutto quello che è successo. Filippo lavora part-time in una videoteca semideserta dove per ammazzare il tempo guarda a ripetizione i film di Steven Spielberg, capro espiatorio assoluto del suo malessere, vate crudele del tormentoso consumarsi delle sue giornate. È questo il filo rosso che attraversa le pagine del nuovo romanzo di Matteo Maffucci, una riflessione esilarante e appassionata sui sentimenti di una generazione già disillusa e pronta a dubitare delle proprie decisioni un secondo dopo averle prese. In una galleria di personaggi strepitosi e autentici, come il padre del protagonista in preda a tardive tempeste ormonali e il truce e sciamanico maestro di vita Tony Silla, Filippo cerca di sopravvivere alla realtà quotidiana e alle sue ex.
Spielberg ti odio è un romanzo commovente e rocambolesco, che parla dritto al cuore o giù di lì.

NOTE BIOGRAFICHE
Matteo Maffucci, nato a Roma nel 1978, ha fondato con Thomas De Gasperi gli Zero Assoluto. Conduce “La Suite” tutti i pomeriggi su RTL 102.5 e sta per laurearsi in Scienza della comunicazione alla Sapienza. Ha pubblicato Ore a caso (Utopia Edizioni, 1998), in seguito inserito nell’antologia Quello che ho da dirvi, pubblicata da Einaudi e Ultimo Stadio (Editori Riuniti, 2001).

PER SAPERNE DI PIÙ