RECENSIONE STAFFETTA SU ‘BOTTEGA DI LETTURA’

13/06/2006 Post >

Horcynus Horca di Stefano D’Arrigo è protagonista di una staffetta di letture sullo strepitoso blog letterario allestito dalla ‘volonterosa accolita di lettori e lettrici’.

Ha iniziato Tonino Pintacuda, la colpa è sua: sulla Bottega di Lettura si sta diffondendo il virus D’Arrigo, mediante la pratica inedita della “recensione staffetta”, giunta ora alla quarta puntata, di Horcynus Horca. Riprendiamo parte dell’intervento di Tonino Pintacuda, invitando tutti i 24settini a seguire la staffetta, passando di link in link.

• HORCYNUS HORCA DI D’ARRIGO. LA PRIMA RECENSIONE STAFFETTA

Sì, sto leggendo Horcynus Orca: me lo ripeto come un mantra. Sono a un quinto dell’impresa. Difficile e vano spiegare la sensazione che si prova quando finalmente si penetra dentro D’Arrigo. All’inizio ti ingolfi, sputacchi l’acqua salata che trasuda dalle pagine. Dici: non ce la farò mai. Poi la chiave gira.
A me è capitato con Cata, la vedova bianca di marinaro che quando doveva diventare femmina e femmina tutta si vede scippare marito e flauto di pelle dalla Guerra. Resta sul letto senza il suo piacere tanto atteso. Allora resta prigioniera dell’idea di marinaro e la vecchia Jacoma se la tira dietro in cerca di un marinaro che con argomenti di mascolo riesca a ridarle sorriso e sapienza.
Jacoma ha pure scoperto che Cata pipìa solo sul mascherone del Duce, un’icona di gesso già ammolliata dal piscio della femminota bella e perduta. Ecco, quando Cata sparisce tra i bergamotti per pipiare sul mascherone la chiave è girata e anche la lettura ha subito un’accelerata. Da dieci pagine faticosamente attraversate la mia favea oculare è schizzata verso la centinaia e ora a 264 aspetto il momento in cui riaprirò il libro per continuare a viaggiare con ‘Ndrìa, lì, tra Scilla e Cariddi.
Ci sono personaggi vivi e viventi, lo spiaggiatore vestito di tutte le divise di tutte le guerre, le femminote, il piccolo Duardo e Ndrìa che cercano confetti e trovvano un “muccusello” morto con lo spadino e la medaglietta della comunione, ci sono soprattutto le fere che gli altri chiamano delfino, ma delfino è delfino, la fera è fera. Con una discussione sul nome e sul senso dei nomi che non sfigura il confronto col Cratilo platonico, il dialogo che il maestro del Maestro di color che sanno dedicò proprio al problema dei nomi e delle cose…

• CONTINUA SULLA BOTTEGA DI LETTURA »